Configurazione del sistema

Screenshot #1 documentazione del gestore di carica cFos - Configurazione del sistema

La password di amministrazione deve essere modificata al primo utilizzo. Prendetene nota per evitare di bloccarvi! La password predefinita per il cFos Charging Manager è vuota. Il nome utente è sempre admin.

Consentite l'invio di informazioni sugli incidenti e di statistiche d'uso anonime, in modo da poter migliorare il nostro hardware e software.

Se si attiva 'localhost is admin', il cFos Charging Manager non richiede una password di amministrazione se l'accesso al web viene effettuato dallo stesso PC.

Screenshot #2 documentazione del gestore di carica cFos - Configurazione del sistema

Traslazioni

Qui si trova il registro delle transazioni, un file che può essere letto in Excel e che contiene la data e l'ora di inizio e fine, il numero della wallbox, l'ID del dispositivo, l'ID dell'utente, l'RFID/PIN dell'utente, i Wh caricati (wattora) e i wattora totali per ogni processo di ricarica, se sono disponibili i contatori corrispondenti. Ciò consente di creare fatture anche se più utenti condividono una stazione di ricarica. Le ultime due colonne del registro delle transazioni contengono un 1 se il caricamento è stato effettuato con il surplus solare (altrimenti 0) e la percentuale di kWh caricati con la generazione solare.

Proxy Modbus TCP/RTU

È possibile inoltrare gli accessi Modbus TCP a Modbus RTU, ovvero a una porta COM. In questo modo, i dispositivi che dispongono solo di una connessione a 2 fili possono essere indirizzati tramite TCP/IP. A tal fine, è possibile impostare la porta TCP che il proxy deve ascoltare e i parametri COM che deve utilizzare per accedere al dispositivo Modbus RTU.

Registrazione

Qui è possibile creare un registro di diagnostica per 5 minuti. Quasi tutto viene poi registrato e ci aiuta nel supporto. È necessario riprodurre qualsiasi problema che si verifica durante l'esecuzione del registro diagnostico. Inoltre, con il Registro di diagnosi viene salvata anche l'intera configurazione, in modo da essere informati sui dettagli delle impostazioni. Con le impostazioni generali di registrazione, si determina la modalità di registrazione dettagliata per i singoli argomenti. Questo può essere utile per la risoluzione dei problemi. Ricordarsi di impostare i registri su "Errore" o "Off" quando non sono necessari. Se necessario, è possibile inviare i log a un server syslog adeguato.

Gestione dei file

Qui è possibile caricare le chiavi di licenza per sbloccare punti di ricarica aggiuntivi, definizioni di contatori, file di configurazione e certificati nel Charging Manager cFos. I contatori definiti dall'utente hanno una priorità maggiore rispetto a quelli forniti da noi per lo stesso tipo di dispositivo. I certificati caricati possono essere selezionati in tutti i punti in cui è possibile utilizzare i certificati.

Variabili del gestore di carica

È possibile creare le variabili da soli e/o farle gestire tramite l'API HTTP per i fornitori di energia. Tutte le variabili sono accessibili tramite formule. Ciò consente di impostare centralmente i valori che il cFos Charging Manager utilizza per il controllo e di renderli controllabili da una postazione esterna. Ciò consente anche di creare configurazioni del Charging Manager in generale e di utilizzarle per più sistemi, accedendo alle variabili memorizzate nella configurazione del sistema che possono essere impostate individualmente per ciascun sistema.

Gateway per contatori intelligenti

Il Charging Manager di cFos può collegarsi a un gateway di Smartmeter e scambiare dati con il fornitore di energia/gestore di rete. È possibile specificare l'URL/indirizzo IP:porta del gateway Smartmeter e l'indirizzo di destinazione che il cFos Charging Manager deve raggiungere tramite il gateway Smartmeter, ad esempio un server del fornitore di energia. È possibile impostare se la stazione remota (ad esempio il fornitore di energia) deve avere diritti di amministrazione per il proprio sistema o solo per le funzioni API del fornitore di energia o nessun diritto di amministrazione attraverso questa connessione protetta dal gateway Smartmeter. TLS può essere attivato come crittografia.

Tempo del sistema

Qui si può impostare se l'ora fornita da un backend OCPP deve essere utilizzata come ora del sistema.

Screenshot #3 documentazione del gestore di carica cFos - Configurazione del sistema

Mappatura della porta COM

Ciò influisce sulla funzione generale del Charging Manager su computer diversi dal controller di carica cFos. In questo caso si possono avere diversi bus RS 485 con diversi gruppi di dispositivi. In questo caso, la configurazione può essere semplificata se si può mappare una porta COM a un'altra senza dover cambiare i numeri di porta COM in tutti i dispositivi.

Test del contatore

Con il test del contatore, è possibile visualizzare tutti i valori rilevanti per il Charging Manager e verificare così se il contatore trasmette valori plausibili. A tal fine, inserire il tipo di dispositivo, l'indirizzo e l'ID come per la configurazione di uno strumento e fare clic su "Test".

Eseguire il comando

È possibile eseguire un comando in Windows, Raspberry e Linux e visualizzare il testo in uscita. Ciò consente di mantenere il sistema soggetto al Charging Manager senza un software di controllo remoto esterno. Questa funzione non è disponibile con cFos Power Brain Wallbox.

Test Modbus

Con questo elemento di dialogo è possibile inviare singoli comandi Modbus a dispositivi specifici. Inserire l'indirizzo e l'ID del dispositivo Modbus come per la configurazione di contatori e EVSE nei campi "Address" e "Slave ID". In "Registro" è possibile specificare il numero del registro, in forma decimale o esadecimale con il prefisso 0x, da cui si desidera leggere o scrivere. Con "Type" si definisce il tipo di dati memorizzati nei registri Modbus, con "Count" quanti tipi di dati devono essere letti dai registri. In scrittura, si specifica anche il "Valore da scrivere". È inoltre possibile configurare il numero della funzione di lettura o scrittura. Fare quindi clic su "Leggi" o "Scrivi". Il risultato appare nei campi "Risultato" e "Stato".

Screenshot #4 documentazione del gestore di carica cFos - Configurazione del sistema

Tesla TWC

Per il Tesla Wall Connector Gen 2, che può essere indirizzato tramite l'interfaccia RS 485, è necessario un ID che deve essere impostato nella configurazione dell'EVSE. È possibile determinarlo inserendo la porta COM a cui è collegato l'EVSE Tesla. Per il controllore di carica cFos, questa è sempre COM1