controllore di carica cFos con contatore Modbus o S0

Possibili utilizzi del misuratore

1. Registrazione dei kWh caricati

Img controllore di carica cFos con contatore Modbus o S0 Img controllore di carica cFos con contatore Modbus o S0

Chiedere al proprio elettricista di installare il contatore S0 nella distribuzione elettrica nelle linee di alimentazione del controller di carica cFos. È necessario disporre di un collegamento a doppino dal contatore S0 alla connessione "S0-1" del controller di carica cFos. Per i contatori Modbus, le connessioni A e B del contatore Modbus devono essere collegate con un doppino alle connessioni A e B del controllore di carica cFos.

Nella finestra di dialogo "Configurazione" sono necessarie le seguenti impostazioni:

Metro S0

Aggiungere un misuratore del tipo "Controllore di carica cFos" come misuratore.
Tipo di dispositivo: cFos Power Brain
Indirizzo: localhost:4701
ID: 1
Abilitato: on
Ruolo: Display o consumo e-car

Se necessario, impostare il numero di impulsi per kWh.

Misuratore Modbus

Aggiungere un misuratore del tipo "cFos / YTL DTS353F-2" come misuratore.
Tipo di dispositivo: cFos / YTL DTS353F-2
Indirizzo: COM1,9600,8,e,1
ID: 101
Abilitato: un
Ruolo: visualizzazione o consumo E-car

D'ora in poi, il controller di ricarica cFos conta l'energia caricata sull'auto.

Misuratore appuntato

Nota: affinché l'EVSE sia a conoscenza di questo misuratore, è necessario inserire questo misuratore S0 nelle impostazioni dell'EVSE.

2. Controllo dinamico della corrente di carica con considerazione del consumo domestico

Img controllore di carica cFos con contatore Modbus o S0 Img controllore di carica cFos con contatore Modbus o S0

Punto di forza: non conosciamo nessun altro EVSE in grado di farlo.

Chiedete al vostro elettricista di installare il contatore dietro il contatore del vostro fornitore di energia, in modo che misuri solo il consumo di elettricità della vostra abitazione, senza quello dell'EVSE cFos. Il contatore dovrà essere collegato al controller di ricarica cFos come indicato sopra.

Attivare "Gestione del carico" nella configurazione del controller di carica cFos.

Nella finestra di dialogo "Configurazione" sono necessarie le seguenti impostazioni:

Inserire la capacità di allacciamento dell'abitazione alla voce "Potenza massima". Potenza totale". Alla voce "Riserva di potenza (" è necessario inserire 3000 (3 kW) come riserva di regolazione, perché le singole fasi potrebbero essere caricate in modo diverso.

Aggiungere l'EVSE cFos come EVSE (EVSE).
Tipo di dispositivo: cFos Power Brain
Indirizzo: localhost:4701
ID: 1
Abilitato: an
Potenza max. Potenza: 11kW
Priorità: 0
Rotazione delle fasi: 0

Aggiungere il contatore di tipo S0 o Modbus come contatore, come spiegato sopra. Ruolo: Consumo

Salvare tutte le impostazioni. D'ora in poi, il Charging Manager integrato nel controller di ricarica cFos riduce la potenza di ricarica dell'auto se il consumo domestico aumenta per un breve periodo, ad esempio utilizzando uno scaldabagno istantaneo. Non appena il consumo si riduce di nuovo, l'auto ha di nuovo a disposizione l'intera potenza di ricarica.

Se in seguito si aggiunge un secondo EVSE (supportato), il Charging Manager può anche distribuire l'energia disponibile a entrambi gli EVSE.

3. Ricarica solo quando il sistema solare fornisce energia sufficiente

Img controllore di carica cFos con contatore Modbus o S0 Img controllore di carica cFos con contatore Modbus o S0

Qui trovate le istruzioni per la ricarica del surplus solare

Se il Charging Manager non è in grado di leggere gli inverter del vostro sistema solare, chiedete al vostro elettricista di installare il contatore dietro l'inverter del vostro sistema solare in modo che misuri la potenza attualmente generata dal sistema solare. Il contatore dovrà essere collegato al regolatore di carica cFos tramite un collegamento a doppino come spiegato sopra.

Attivare "Gestione del carico" nella configurazione del controller di carica cFos.

Nella finestra di dialogo "Configurazione" sono necessarie le seguenti impostazioni:

Inserire la capacità di allacciamento dell'abitazione alla voce "Potenza massima". Potenza totale". Alla voce "Riserva di potenza (" è necessario inserire 3000 (3 kW) come riserva di regolazione, perché le singole fasi potrebbero essere caricate in modo diverso.

Aggiungere l'EVSE cFos come EVSE (EVSE).
Tipo di dispositivo: cFos Power Brain
Indirizzo: localhost:4701
ID: 1
Abilitato: on
Potenza max. Potenza: 11kW
Priorità: 0
Rotazione delle fasi: 0

Fare clic su "Aggiungi regola di carica" per aggiungere una regola di carica. Selezionare "Solare" come tipo di regola e inserire la potenza desiderata dell'impianto solare a partire dalla quale l'auto deve essere caricata come "Limite di corrente iniziale". Inserire la potenza di carica desiderata per l'auto in "Corrente". Non è necessario selezionare l'intera potenza solare se si desidera far funzionare altri dispositivi con l'impianto solare. Selezionare "Assoluto", ad esempio, se la potenza di carica deve essere impostata come potenza assoluta.

Salvare le impostazioni del controllore di carica cFos.

Aggiungere il contatore di tipo S0 o Modbus come contatore, come spiegato sopra.
Ruolo: Generazione

Salvare le impostazioni del contatore e della potenza di connessione dell'abitazione. D'ora in poi, il Charging Manager assegnerà all'auto la quota di energia solare selezionata per la ricarica.

Note

Alcuni misuratori S0 hanno un'uscita a impulsi a semiconduttore. Se non si registrano impulsi, è necessario scambiare le linee all'ingresso S0. Alla voce "Configurazione" si trova un display che indica quanti impulsi sono stati registrati agli ingressi S0. Con i contatori Modbus, gli ingressi A e B possono essere invertiti. In questo caso potrebbe essere necessario invertire la polarità.

È anche possibile combinare entrambe le varianti: Collegare un contatore per misurare il consumo domestico e un altro per misurare l'energia solare.

In questi esempi, il controllore di carica cFos viene utilizzato come dispositivo Modbus TCP. localhost:4701 è l'EVSE, localhost:4702 l'ingresso del contatore S0 1 e localhost:4703 l'ingresso del contatore S0 2.
L'EVSE ha l'ID slave 1, l'ingresso del contatore S0 1 ha l'ID 2 e l'ingresso del contatore S0 2 ha l'ID 3.

Fare attenzione a non sovraccaricare i contatori intermedi S0 e assicurarsi che non venga superata la capacità massima del contatore secondo la scheda tecnica.