cFos Charging Manager

cFos Charging Manager - gestione del carico per la ricarica delle auto elettriche

Il cFos Charging Manager si rivolge agli operatori di parcheggi che devono essere dotati di wall box per la ricarica delle auto elettriche. L'obiettivo è quello di fornire alle singole auto elettriche quanta più potenza di ricarica possibile, tenendo conto della potenza totale disponibile attraverso la gestione del carico, spesso senza nemmeno dover aumentare la potenza di allacciamento domestica esistente.

Nota: Al momento stiamo assistendo a un aumento del volume di richieste da parte di associazioni di proprietari di case, case plurifamiliari e garage/parcheggi comunali associati. Poiché spesso non è chiaro agli interessati quali siano i primi passi nell'implementazione della gestione del carico, ecco un aiuto alla pianificazione per i parcheggi e un esempio pratico di parcheggio sotterraneo.

Le soluzioni precedenti sono costose e per lo più limitate a un fornitore specifico di wallbox. Un sistema indipendente dal produttore offre la sicurezza dell'investimento.

Il cFos Charging Manager ti consente di configurare la tua infrastruttura di ricarica secondo i tuoi desideri. A tale scopo, il cFos Charging Manager supporta una serie di wall box di diversi produttori tramite la gestione del carico. Lavoriamo costantemente per ampliare l'elenco delle wall box supportate.

Per pianificare la tua infrastruttura di ricarica, seleziona prima i wall box desiderati. Per i sistemi di grandi dimensioni, le singole scatole a muro dovrebbero essere il più economiche possibile in modo che i costi totali rimangano gestibili. Il cFos Charging Manager supporta quindi anche modelli a basso costo e quindi rende disponibili altrove le funzionalità mancanti delle wallbox.

Prova subito cFos Charging Manager gratuitamente!

Scarica cFos Charging Manager - Versione 0.0.0

Domande e risposte riguardanti cFos Power Brain Wallbox, cFos Power Brain Controller e cFos Charging Manager
Scarica l'app cFos Charging Manager

Scenari

Img Casa unifamiliare con impianto solare

Casa unifamiliare con impianto solare

1-2 EVSE, Charging Agent, intermedita meter per la misurazione dei consumi domestici, S0 meter per la misurazione dei consumi EVSE

1 wall box con 22kW e scaldabagno istantaneo prenoterebbe in eccesso la capacità di connessione della casa esistente. Grazie alla gestione del carico, la potenza di ricarica dell'auto si riduce quando qualcuno fa la doccia o cucina. Con 2 wall box, la potenza di ricarica verrebbe distribuita a entrambe le auto. L'energia solare viene utilizzata per caricare le auto durante il giorno.

Img Garage 50 posti auto

Garage 50 posti auto

con go-e box e centralina ABB B24 (da Modbus a Raspberry PI) in condominio

In diversi punti del garage sono presenti lettori RFID che comunicano con cFos Charging Manager

Fatturazione e autenticazione

Le wallbox OCPP, come molte altre wallbox, hanno contatori elettrici integrati che il cFos Charging Manager può leggere e rendere disponibili per la fatturazione i kilowattora utilizzati. Con scatole a muro più semplici è possibile installare il proprio contatore Si consiglia di installare il proprio Modbus per collegare in rete i contatori intermedi.

Gli EVSE OCPP hanno in genere un lettore RFID per l'autenticazione. Molti altri modelli hanno anche il proprio lettore RFID. In questo caso, insegni a questi EVSE nuove carte RFID. Quindi questi EVSE controllano la carta RFID e attivano automaticamente il processo di ricarica. Il cFos Charging Manager rimane informato sul processo di ricarica e può regolare la potenza di ricarica.

Per le EVSE senza il proprio lettore RFID, il rilascio può essere effettuato tramite un'interfaccia Web del cFos Charging Manager inserendo un PIN. È inoltre possibile collegare un lettore RFID al cFos Charging Manager o collegarlo in rete con uno o più lettori RFID. Il cFos Charging Manager assume quindi l'autorizzazione e il rilascio delle EVSE. È anche possibile il funzionamento misto di EVSE con e senza lettori RFID

Controllo della potenza di carica

Il cFos Charging Manager utilizza la gestione del carico per cercare di distribuire il massimo carico connesso installato nell'edificio il più possibile alle auto elettriche da caricare. Il cFos Charging Manager calcola la potenza di ricarica disponibile ogni pochi secondi come segue:
Potenza di collegamento della casa meno i consumatori della casa (ad es. appartamenti o macchine) più i produttori (ad es. impianti solari).
o
Acquisto della rete (positivo per l'acquisto, negativo per l'immissione in rete) meno la potenza di ricarica degli EVSE. Un contatore bidirezionale è consigliato qui.

Per registrare il consumo (e la generazione), devono essere installati contatori intermedi compatibili con Modbus:
O si installa un contatore intermedio per ogni utenza e generatore oppure si installa un contatore centrale sull'allacciamento domestico. In entrambi i casi, il cFos Charging Manager legge i contatori via Modbus (consigliamo ABB B23 112-100 con misura diretta per potenze fino a 40kW e ABB B24 112-100 con misura trasformatore con bobine del trasformatore appropriate per potenze superiori. Entrambi possono essere facilmente configurabile tramite Modbus Leggi RTU. Tuttavia, cFos Charging Manager supporta anche molti altri contatori, vedere la tabella " Quale contatore può fare cosa? ".

Molti contatori intermedi emettono i cosiddetti impulsi S0 (ad es. 1000 impulsi per kWh). Il cFos Charging Manager può anche valutare questi impulsi per contatore utilizzando un adattatore USB FTDI

Registrando il consumo e la generazione, il cFos Charging Manager sa sempre quanta potenza di ricarica distribuire alle EVSE in uso. È possibile assegnare priorità diverse alle singole EVSE. La potenza di ricarica disponibile viene prima distribuita alle EVSE con priorità più alta e la potenza rimanente viene quindi distribuita alle EVSE con priorità inferiore. In questo modo è possibile, ad esempio, ricaricare rapidamente i veicoli di emergenza mentre gli utenti che parcheggiano a lungo vengono "riforniti" durante il giorno

Lo schema di prioritizzazione supporta anche lo spegnimento temporaneo delle wall box se non viene raggiunta la potenza di ricarica minima. Inoltre, è presente un monitoraggio della simmetria di fase per evitare che le singole fasi vengano caricate oltre il livello prescritto dalla VDE durante la carica monofase.

Regole di ricarica

Utilizzando le regole di ricarica, è possibile configurare la gestione del carico per ogni utente e per ogni wallbox, è possibile configurare diverse regole di ricarica, che determinano la potenza di ricarica secondo criteri specifici. Puoi usarlo per configurare determinati orari, ad esempio, quando la potenza di ricarica è limitata.

Inoltre, la potenza di carica può essere modificata in base a un ingresso di commutazione, ad esempio quando il fornitore di energia segnala determinate tariffe. Un'altra possibilità consiste nel controllare la potenza di carica in base alla potenza di generazione disponibile di un sistema solare (ad es. caricando in eccesso).

lista materiali

  • Scatole a muro e cablaggio
  • 1 alimentatore Raspberry PI 3 o 4 plus o PC Windows
  • Un adattatore USB <-> RS485 (FTDI, porta COM virtuale) per Modbus RTU
  • Contatore intermedio
  • Adattatori FTDI aggiuntivi per contatori S0
  • lettori RFID aggiuntivi per cFos Charging Manager (potrebbe richiedere Raspberry PI aggiuntivo)

Si raccomanda che cFos Charging Manager sia connesso a Internet e sia accessibile dall'"esterno" per scopi di manutenzione.

Prezzi di cFos Charging Manager

  • Licenza per punto di ricarica: Da 94,01 euro (IVA 19% inclusa)

Listino prezzi dettagliato per cFos Charging Manager e kit hardware

Requisiti di sistema

  • Windows 10 o Raspberry Pi 3 o 4.
  • Consigliato: connessione Internet per impostare automaticamente l'ora, gli aggiornamenti software e l'accesso per la manutenzione remota. Se non è disponibile una connessione di rete fissa, puoi utilizzare anche un router LTE con una scheda SIM.

Dettagli per l'operatore di rete

Produttore / tipocFos eMobility / cFos Power Brain 11kW (22kW)
Numero di punti di ricaricaA seconda del numero di EVSE che utilizzi: un punto di ricarica per EVSE
Numero di dispositivi di ricarica identiciA seconda del numero di EVSE che utilizzi
Max. potenza richiesta dalla rete in kVA11 kVA o 22 kVA
Max. potenza di immissione in rete in kVA0 kVA
Gamma di controllo della potenza di carica da kVA a kVA6 kVA - 22kVA
Potenza attiva controllabile (sì / no)
Tipo di carica (AC o DC)corrente alternata
Corrente alternata o corrente trifaseAC per collegamento monofase, trifase per collegamento trifase (controllato dall'attrezzatura di ricarica dell'auto)

Dichiarazione del produttore

Per saperne di più