Funzioni RFID e PIN

RFID e PIN nel controllore di ricarica e nel gestore di ricarica cFos

Scheda Master RFID

L'EVSE cFos viene fornito con una clip RFID e una scheda RFID master. Questa ha le seguenti funzioni:
3 x hang up: Ripristino della configurazione alle impostazioni di fabbrica e riavvio
1 x riaggancio più nuova scheda: Apprendimento di una nuova scheda. Questa è memorizzata sotto l'utente (attivo o unico) dell'EVSE.

Il lettore RFID dell'EVSE cFos supporta le schede MIFARE a 13,56 MHz. È possibile acquistare queste schede a un prezzo ragionevole. Funzionano anche molte carte comuni che potreste già avere nel vostro portafoglio. Purtroppo, le carte EC e alcune carte di credito non possono essere lette.

Gestione utenti e RFID

Alla voce "Utenti", l'amministratore può impostare nuovi utenti e poi aggiungerli nelle impostazioni del rispettivo EVSE. Una volta aggiunto almeno un utente a un EVSE, quest'ultimo caricherà solo dopo l'autorizzazione di tale utente. Ciò può essere fatto inserendo l'ID utente, un PIN o un RFID. È possibile impostare più PIN o RFID per ogni utente. Ad esempio, è possibile aggiungere una famiglia come utente di un EVSE e tutti i membri della famiglia riceveranno il proprio RFID.

Ogni utente può anche aggiungere altri RFID o PIN con funzioni diverse e scaricare un registro delle transazioni dei propri processi di addebito. A tal fine, può inserire un PIN valido, un RFID o il proprio ID utente alla voce "Utente" e poi fare clic su "Gestisci utente".

Mostra utente EVSE durante la ricarica: Se si assegna un nome a una scheda RFID, questo verrà visualizzato sotto "Avvio" nel riquadro EVSE quando l'utente sta caricando con questa RFID. Tuttavia, il nome dell'utente globale può essere visualizzato anche se si "Consenti visualizzazione nome" e la scheda RFID non contiene un nome.

Nota: la gestione degli utenti e degli RFID è una funzione di cFos Charging Manager, vale a dire che è necessario creare utenti e schede solo nel "master", non nei wallbox cFos Power Brain collegati come slave. Con altre wallbox, può accadere che una wallbox informi il gestore della ricarica di una scheda RFID letta solo se questa scheda è stata precedentemente appresa nella box stessa.

Istruzioni passo-passo per l'impostazione dell'autorizzazione alla ricarica presso un EVSE

  1. Schermata delle impostazioni utente
    Menu principale "Utente" -> "Aggiungi utente". Viene generato un ID utente univoco. Impostare il nome dell'utente -> "Salva".
  2. In "Assegnazione EVSE", è ora possibile selezionare gli EVSE presso i quali l'utente è autorizzato a caricare.
  3. A questo punto è possibile inserire manualmente un PIN o un RFID o apprenderne uno. Dopo aver fatto clic su "Apprendi", posizionare la scheda RFID sull'EVSE corrispondente. fare clic su "Salva".
  4. È possibile configurare un nome, delle funzioni e delle fasi per la scheda RFID creata in questo modo.

Funzioni della mappa

Gli RFID (e i PIN) possono avere altre funzioni oltre a quella di autorizzare l'addebito. È possibile creare schede anche senza autorizzazione, ad esempio per cambiare i parametri durante la ricarica. Una scheda può avere le seguenti funzioni

  • Interrompere e avviare la ricarica tra un'operazione e l'altra.
  • Sovrascrivere la corrente di carica o annullare la sovrascrittura.
  • Disattivare le regole di tariffazione impostate per l'utente o impostare un nuovo set di regole di tariffazione per l'utente.
  • Commutazione delle fasi. La commutazione di fase è utile se la wallbox non dispone di un contatore in grado di determinare le fasi attualmente in uso, ma si desidera caricare le auto presso la wallbox su fasi diverse. A questo punto è possibile informare il cFos Charging Manager, ovvero la gestione del carico, riagganciando l'RFID corrispondente. Questo è importante, ad esempio, per la ricarica del surplus solare, in quanto il Charging Manager di cFos deve sapere tra quante fasi verrà suddiviso il surplus.
  • Modifica la priorità della wallbox per il processo di ricarica in corso.
  • Impostare un budget di kWh
  • Impostare le variabili del Charging Manager. Utilizzando le variabili di Charging Manager, è possibile parametrizzare le regole o i valori di ricarica, come la potenza della wallbox, la potenza della connessione domestica, ecc. È possibile commutare dinamicamente questi parametri utilizzando le schede RFID.
  • Impostare le uscite del Charging Manager. Ciò consente di utilizzare le schede RFID per cambiare dispositivo.

Le schede RFID possono essere valide a tempo indeterminato o scadere a una certa data o essere limitate a un certo numero di utilizzi. anche modificare la priorità della wallbox per il processo di ricarica in corso e impostare un budget di kWh. Inoltre, è possibile impostare le variabili e le uscite del Charging Manager. In questo modo, è possibile utilizzare le variabili di Charging Manager per parametrizzare le regole di tariffazione o impostare i valori. Con il Charging Manager

Nota: invece di utilizzare la scheda RFID, è possibile autorizzare la ricarica utilizzando l'app cFos Charging Manager. Nota: è possibile anche installare un lettore di schede esterno (centrale) e trasmettere le voci RFID al Charging Manager tramite richiesta HTTP. La versione di Charging Manager per Windows e Raspberry PI supporta la connessione di un lettore di schede USB e la trasmissione a un Charging Manager in funzione (anche cFos Power Brain Wallbox).

RFID fisso

Nelle impostazioni è anche possibile impostare un "RFID fisso" per ogni EVSE. Questo viene utilizzato se non viene applicato alcun RFID e non viene inserito alcun PIN prima di collegare il cavo di ricarica. Questo è particolarmente utile per OCPP, dove un backend corrispondente può consentire processi di ricarica solo se è presente un RFID (precedentemente configurato nel backend). Se non si inserisce un altro RFID, l'RFID fisso viene utilizzato anche nel registro delle transazioni.

API HTTP e lettore RFID esterno

Ogni EVSE cFos e anche la versione Raspberry e Windows del Charging Manager cFos supportano una funzione API HTTP:
/cnf?cmd=enter_rfid&rfid=r&dev_id=d
r è il PIN o l'RFID (cifre), d è un id dispositivo opzionale per selezionare un EVSE specifico. Se non viene selezionato alcun id dispositivo, il Charging Manager tenta di assegnare automaticamente il PIN o l'RFID.

In questo modo è possibile installare un lettore RFID esterno (ad esempio in un luogo accessibile centralmente) e consentire agli utenti degli EVSE di autorizzare la ricarica da lì. I lettori RFID disponibili in commercio sulla porta USB trasmettono l'RFID mediante la simulazione della pressione dei tasti. È possibile collegare la versione Raspberry del cFos Charging Manager a un lettore RFID USB che inoltrerà gli RFID al proprio EVSE o a un altro cFos Charging Manager, chiamandolo con:
charging_manager rfid dest
è l'indirizzo dell'EVSE o del cFos Charging Manager che deve ricevere gli RFID tramite API HTTP, ad esempio 192.168.2.111. Se si utilizza un EVSE di terze parti che non dispone di un lettore RFID, è possibile integrare la funzionalità RFID con il cFos Charging Manager.